Home » Benessere » L'Italia solidale alla notte degli Oscar col documentario su Strada

L'Italia solidale alla notte degli Oscar col documentario su Strada

Alla fine non ce l’ha fatta, dovendo cedere la corona e gli onori a “Searching For Sugar Man” diretto dallo svedese Malik Bendjelloul, che racconta la rinascita del cantautore americano Sixto Rodriguez nei teatri del Sud Africa, ma il documentario su Emergency di Gino Strada ha reso un grande onore all’Italia solidale.

Il documentario, diretto da Keif Davidson e intitolato “Open Heart” ha descritto meravigliosamente l’opera dell’associazione italiana in Africa e l’opera in particolare del dottor Strada che porta in quei paesi assistenza e speranza. I protagonisti sono otto bambini del Rhuanda che si trovano ricoverati presso il centro Emergency di Khartoum per subire delicati interventi “a cuore aperto”.

Coadiuvato da specialisti di ogni parte del mondo, il centro opera e assiste pazienti provenienti da 25 paesi diversi, con un ritmo di tre interventi chirurgici al giorno. L’idea non è solo quella di dare un valido aiuto a chi non se lo può permettere ma di insegnare a queste popolazioni alcune nozioni base per poter collaborare e, in futuro, dare anche un mestiere. Gino Strada non è deluso dal risultato della notte degli Oscar, non era importante una vittoria ma solo far conoscere l’opera del suo team e vendere il dvd i cui ricavati andranno a finanziare proprio quel centro medico di Khartoum.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico