Home » Benessere » Donazioni d'organi in calo, ma con lo "stress test" si possono recuperare almeno i cuori

Donazioni d'organi in calo, ma con lo "stress test" si possono recuperare almeno i cuori

Dalla fine degli anni Ottanta in poi, l’Italia aveva recuperato a grandi passi nel campo delle donazioni di organi dove, per tanto tempo, era stata agli ultimi posti nel mondo. Complici alcuni casi di cronaca, una nuova coscienza emotiva, molti parenti di persone in morte cerebrale acconsentivano all’espianto d’organi dei loro cari salvando così molte vite. Tra le regioni più “generose”, da sempre, c’è la Toscana.

Eppure ultimamente le donazioni di organi stanno calando drasticamente. Il problema è dovuto all’età dei donatori che si innalza sempre più, logica conseguenza di un Paese pieno di anziani. E se una donazione salva comunque la vita, un organo “vecchio” rispetto a uno giovane garantisce pochi anni di sopravvivenza. Soprattutto se l’organo in questione è il cuore. E’ per questo che la Toscana insieme all’Emilia Romagna si sono attivate per cercare una soluzione e hanno scoperto, tramite studi fatti anche all’estero, che “cuori buoni” si possono recuperare anche in donatori anziani.

Si fa attraverso un test chiamato “stress-test” (vero nome: ADONHERS -Aged donor heart rescue by stress echo) ed è un test ecocardiografico che si esegue nella persona caduta ormai in morte cerebrale, dunque in uno stato di coma da cui è impossibile risvegliarsi. Il test, messo a punto a Bologna, analizza cuori di donatori che secondo parametri iniziali venivano definiti non idonei ma che nonostante ciò hanno una resistenza ancora valida. Si è scoperto così che molti cuori “scartati a priori” erano invece utilizzabili e in tal modo si possono recuperare almeno il 10% dei donatori e salvare vite umane che altrimenti non avrebbero speranza alcuna.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico