Home » Benessere » Contro i batteri resistenti? Costringere i medici a prescrivere meno medicine

Contro i batteri resistenti? Costringere i medici a prescrivere meno medicine

I batteri resistenti che stanno rendendo sempre più pericolose anche banalissime malattie del quotidiano, sono il frutto di un esagerato uso degli antibiotici che abbiamo fatto per anni, assumendone dosi massicce anche per curare semplici influenze da freddo! Per contrastare questo fenomeno, dunque, occorre trovare nuove cure e anche “costringere” i medici a prescrivere meno medicine.

In America si sono messi subito al lavoro, elaborando tre metodi che frenino questo aspetto del mestiere di dottore. Le idee per attuare i tre metodi nascono dalla fusione di tecniche diverse registrate in ben 19 paesi e consistono, ad esempio, nell’imporre ai medici il consulto con uno specialista ogni volta che devono prescrivere un antibiotico. Oppure si costringono i medici di famiglia a seguire continui corsi di aggiornamento sugli antibiotici e su come e quando prescriverli. Infine, si potrebbe anche spingerli a consultare un programma informatico che insegni come dosare la prescrizione dei medicinali. Idee per educare i giovani dottori ma anche per ridimensionare i più anziani, e per convincere i pazienti che l’eccesso è sempre fonte di danno.

admin

x

Guarda anche

Lavastoviglie ricettacolo di batteri e funghi

La lavastoviglie è un ricettacolo di batteri e funghi. L’allarme arriva da uno studio guidato ...

Condividi con un amico