Home » Benessere » Napoleone, imperatore invincibile ma pieno di malanni

Napoleone, imperatore invincibile ma pieno di malanni

Oggi, 5 maggio, è inevitabile pensare alla famosa figura di Napoleone che proprio in questo giorno nel 1821 morì dopo una vita di imprese vittoriose, gloriose ma anche sanguinarie che portarono la Francia a capo del mondo. L’imperatore basso e brutto, che nessuno poteva sconfiggere, dovette cedere agli inglesi e soprattutto alle sue tante malattie.

Di lui si sa con certezza che soffrisse di problemi di carie, se come riportano molti registri dell’epoca “aveva denti brutti e spesso sporchi”, e soffriva di stipsi che conferiva al suo ventre un aspetto troppo grasso e prominente. L’imperatore aveva anche qualche problema al sangue, come scrive lui stesso nelle sue memorie “Le mie gambe sono gonfie, questa è una dissoluzione del sangue che annuncia quanto sta per accadere“.

Per molto tempo le cronache dissero che Napoleone fu lentamente avvelenato dagli inglesi, mentre si trovava sull’isola di Sant’Elena in esilio, invece si è di recente scoperto da alcuni appunti ritrovati che l’imperatore soffriva di tumore allo stomaco, come suo padre prima di lui. E che per l’ansia di curare quel tumore, i medici che avevano in cura Napoleone abbiano usato troppo spesso degli strumenti per il clistere che nell’atto di “purificare” il corpo dell’imperatore, inducendo il vomito e liberandolo così dai dolori per qualche ora, allo stesso tempo lo privavano di potassio, indebolendolo al punto che il cancro ebbe la meglio facilmente e più rapidamente del previsto.

admin

x

Guarda anche

Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile: servono cure mirate

Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro. In occasione della XVI Giornata ...

Condividi con un amico