Home » Benessere » Epilessia: forse una soluzione col "trapianto di neuroni"

Epilessia: forse una soluzione col "trapianto di neuroni"

Di epilessia si parla spesso e di recente si è affrontato l’argomento su diversi fronti, anche su quello sociale. Una malattia invalidante più per gli effetti che ha sulla vita di relazione delle persone che per quelli fisici, che comunque sono pesanti da sopportare. In America la ricerca sta dando ottimi risultati e non ultimo arriva questo studio della università di San Francisco, in California.

Lo studio per ora si è concentrato solo sui topi di laboratorio, ma i risultati ottenuti si adattano perfettamente anche ai casi umani, in quanto il meccanismo dell’epilessia è unico per tutti: un cattivo funzionamento delle trasmissioni elettriche tra neuroni che determinano crisi e spasmi motori, oltre all’annebbiamento e alla perdita di coscienza in alcuni casi. Occorre quindi ripristinare questo “traffico elettrico” nel modo più giusto.

Il metodo usato a San Francisco potrebbe funzionare. In pratica i ricercatori hanno trapiantato alcune cellule dell’eminenza ganglionica mediale, che inibiscono la segnalazione elettrica nei circuiti nervosi dell’ippocampo (cosa che invece negli epilettici avviene di continuo). Le cellule impiantate si sono integrate alla perfezione nel sistema originario del paziente, hanno generato nuovi interneuroni inibitori che hanno preso il posto di quelli malfunzionanti, fermando di fatto il manifestarsi delle crisi negli animali.

admin

x

Guarda anche

Una “buona” cura preventiva per l’infarto? Lo yogurt

Mangia yogurt e campa cent’anni. O per lo meno, se ti ammalerai, non sarà per ...

Condividi con un amico