Home » Benessere » Chirurgia estetica maschile: quando conta la "lunghezza"

Chirurgia estetica maschile: quando conta la "lunghezza"

Se le donne guardano in alto, gli uomini guardano in basso. Se per le signore conta la larghezza, per i signori conta la lunghezza. La chirurgia estetica non riguarda più solo glutei e seni ma anche -e sempre di più- il pene, con cifre esorbitanti (circa 3000 operazioni di falloplastica in Europa, quasi 7000 in America).

Un’operazione tutt’altro che semplice, intanto perchè coinvolge un organo molto delicato e qualsiasi errore può condannare l’intera vita sessuale dell’uomo … ma soprattutto deve essere assolutamente personalizzata, perchè ogni persona ha una struttura corporea e esigenze ben precise. Lo sanno bene al Centro di Medicina Sessuale di Milano, uno dei pochissimi -se non l’unico in Italia- a eseguire tali interventi.

Il Centro invita a diffidare dalle imitazioni o dalla concorrenza facile. Chi promette operazioni a poco prezzo, o facili e veloci non sa di cosa parla e cosa rischia di causare. La falloplastica è un lavoro serio e da affidare a persone estremamente competenti e dato l’elevato numero di richieste occorre anche pazienza se si vuole una cosa ben fatta. I richiedenti sono spesso giovani sui 30 anni, ma stanno aumentando anche gli uomini over 50. Il 60% di loro lo fa perchè vive un problema di complessi, mentre il restante 40% solo per puro gusto estetico. La lunghezza massima che si può ottenere è due, talvolta quattro centimetri in più. L’intervento è molto costoso, varia tra 2000 euro e 7000 euro.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico