Home » Benessere » Defibrillatori nelle strade: Monza è la prima a dare l'OK

Defibrillatori nelle strade: Monza è la prima a dare l'OK

E’ di due giorni fa la notizia della bimba romana che è stata colta da attacco cardiaco mentre andava a scuola a piedi. Della lunga attesa per l’ambulanza e dei passanti, smarriti, che non sapevano che fare. Se ci fosse stato un defibrillatore a portata di mano forse tutto si sarebbe risolto prima e meglio. Defibrillatori nelle strade, come le cabine telefoniche e gli estintori … un’idea innovativa per l’Italia alla quale la prima a dire “sì” è Monza.

Sono arrivati ieri, infatti, presso il municipio della città lombarda i primi defibrillatori “da strada” completi anche di mappa di dislocazione e di istruzioni per l’uso. Perchè avere il defibrillatore non basta se nessuno sa come utilizzarlo. Occorrerà dunque distribuire in bella vista queste istruzioni e fare anche dei corsi periodici per tutti… nelle scuole, nei luoghi di lavoro, negli uffici e nei cantieri come anche nei condomini.

Il defibrillatore può salvare una vita se viene applicato nell’immediatezza, dopo un attacco cardiaco o un infarto. E spesso questi problemi del cuore insorgono quando una persona è per strada, lontana da centri medici e ospedali. Poter usare un defibrillatore “all’angolo della strada” riuscirebbe a scongiurare il peggio in molti casi. Monza ci proverà, e lo farà grazie agli sforzi della onlus Brianza per il Cuore e grazie alla lungimiranza dell’amministrazione comunale.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico