Home » Benessere » Il vaccino universale riconosce fino a 8 virus diversi

Il vaccino universale riconosce fino a 8 virus diversi

La soluzione di tutti i mali ce l’ha lui. Il dottor Gary Nabel, del National Institute of Allergy and Infectious Diseases di Bethesda, USA, ricercatore anche presso il centro di ricerca Sanofi di Cambridge, ha inventato il vaccino universale che sta dando già ottimi risultati sugli animaletti da laboratorio e potrebbe presto essere immesso sul mercato per l’uomo.

Si tratterebbe di un metodo nuovo per la creazione di antigeni anti-influenzali che ora si ottengono mediante proteine-nanoparticelle create in laboratorio (come la emagglutina -HA e ferritina) e questo consente di ottenere rimedi antivirali in molto meno tempo e con una più ampia rosa di risultati rispetto a quelli ottenuti con le colture tradizionali. Così si possono programmare antigeni in grado di riconoscere e contrastare fino a 8 virus tutti insieme, ottenendo di fatto un vaccino universale.

Il vaccino di Nabel si sta dimostrando già molto efficace contro tutti i virus del ceppo H1, ovvero quelli che hanno causato dal 2009 a oggi i tipi di influenza aggressiva che conosciamo. Forse sarà anche efficace contro il ceppo H7 quello della Nuova Aviaria che sta mietendo vittime in Cina, ma non si ha certezza a riguardo. Lo stesso Nabel non si pronuncia senza una adeguata sperimentazione sull’uomo, perchè occorre il massimo della sicurezza prima di poter cantare vittoria.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico