Home » Benessere » Incredibile trapianto incrociato salva due vite umane

Incredibile trapianto incrociato salva due vite umane

Potremmo chiamarlo proprio così, “trapianto incrociato”, quello avvenuto a Siena all’ospeale Santa Maria delle Scotte per mano del team di Chirurgia dei trapianti di rene, diretto dal professor Mario Carmellini. Un evento molto raro e, per noi italiani, primo in assoluto … mentre negli Stati Uniti è già stato effettuato. Protagonisti involontari, due coniugi: Antonio e Paola Belello.

La signora Belello era malata da tempo e doveva sottoporsi a dialisi ogni mese. Da una serie di analisi era risultata una buona compatibilità (96%) col rene del marito il quale non se l’era fatto ripetere due volte e si era subito offerto di donare il rene alla propria compagna. Ma proprio mentre si preparavano i ricoveri una notizia giunge da Napoli a sconvolgere le carte in tavola: c’è una donna molto bisognosa di un rene che ha molta più urgenza della signora Paola e che è compatibile con il rene del marito. Ma, strano caso del destino, a sua volta la signora napoletana ha un marito il cui rene è compatibile con quello di Paola.

Da qui la proposta dei medici: un trapianto incrociato. Il signor Belello, invece di donare il rene alla moglie, lo ha donato alla paziente di Napoli e il marito della paziente di Napoli ha donato il proprio alla signora Belello. Due vite salvate dalla generosità di due uomini che senza alcun legame di sangue hanno effettuato il più alto gesto di amore al mondo. Il risultato, oltre al record per la medicina italiana, è stata la salute ritrovata e la nascita di una nuova grande amicizia che attraversa l’Italia e che lega due famiglie per sempre.

admin

x

Guarda anche

Simil-influenza mette a letto 100mila italiani

Sono almeno 100mila gli italiani alle prese con una sindrome simil-influenzale. Le temperature insolitamente alte ...

Condividi con un amico