Home » Benessere » Piccolo genio australiano scopre come fermare i batteri resistenti

Piccolo genio australiano scopre come fermare i batteri resistenti

Zaynab Sheriffdeen è un nome difficile, ma impariamolo bene perchè ne sentiremo parlare ancora in futuro. Non può essere altrimenti, se già a 14 anni questo ragazzino australiano ha scoperto la soluzione al problema che sta arrovellando i migliori cervelli scientifici in tutto il mondo: come sconfiggere i nuovi batteri super-resistenti! E basta poco, molto poco: un barattolo di miele.

Durante una normale ricerca scolastica, nel liceo presso cui studia, Zaynab ha ipotizzato con tanto di test scientifici ottimamente condotti che il miele di Manuka, mescolato e lavorato con i principi attivi della penicillina, riesce a fermare il batterio MRSA. Mica uno qualunque, se si considera che l’MRSA, ossia il bacillo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, è il nuovo batterio responsabile di molte morti misteriose nel mondo perché non esiste una cura. Anzi, non esisteva.

Il miele di Manuka (derivato da fiori di una pianta tipica dell’Oceania) era già al centro di studi, a Sydney, perchè si sospettava potesse inibire certi tipi di batteri. Ora, grazie alla scoperta del piccolo genio liceale, la ricerca può riprendere il binario giusto verso la soluzione. E mentre Zaynab pensa di applicare la stessa ricerca su altre proprietà curative del miele, il suo nome viene inserito tra i 90 finalisti del premio annuale per la scienza indetto da Google. Anche se non dovesse vincerlo, potrà sempre vantarsi di aver dato un enorme contributo alla storia dell’umanità … che andrà avanti anche grazie a lui.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico