Home » Benessere » A Roma, il primo museo dell'omeopatia

A Roma, il primo museo dell'omeopatia

Un museo dedicato alla nuova medicina, ai metodi curativi naturali e vicini all’animo del paziente. L’omeopatia oggi ha una “casa” anche in Italia, la seconda in Europa. Sorgerà a Roma, in piazza Navona. Una sede scelta non a caso ma in ricordo e in onore di Antonio Negro, direttore dell’Accademia Italiana di Medicina Omeopatica che in questa piazza ebbe la prima sede 50 anni fa.

Attingendo dai vari archivi di medicina omeopatica -l’Archivio Pompilj, l’Archivio Tosi, l’Archivio Galatzer e l’Archivio Negro- si è potuto creare quel sogno che da tempo coltivava proprio il Negri e che si avvarrà anche di moltissimi libri e dati lasciati dai medici omeopati che hanno lavorato nel XIX e XX secolo in Italia.
Una immensa biblioteca raccoglierà migliaia di edizioni di libri sull’omeopatia in diverse lingue e sarà possibile anche ammirare una vera borsa da omeopata con oltre 200 tipi di medicine.
Come detto, questo è il secondo museo dedicato all’omeopatia in Europa. L’altro si trova in Germania … Paese già molto avanti nella considerazione e nell’uso di queste tecniche mediche. In Italia dobbiamo ancora adeguarci, dopo aver vinto anni di battaglie per far capire il semplice concetto di medicina alternativa, che non vuole sostituirsi a quella normale ma solo aiutarla là dove è possibile.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico