Home » Benessere » A Pantelleria si torna a nascere: la vittoria delle mamme dell'isola

A Pantelleria si torna a nascere: la vittoria delle mamme dell'isola

Italiana “per caso”, comune che fa capo a Trapani e che guarda alla Sicilia col binocolo, Pantelleria ultimamente era anche diventata l’isola delle mamme incatenate. Lo avevano fatto davvero, le donne, chiudendo i lucchetti intorno alle proprie braccia e legandosi per sempre al reparto maternità dell’ospedale Nagar, uno dei punti nascita condannato alla chiusura dalle nuove leggi regionali. Ma loro non avrebbero mollato e oggi possono dire di aver vinto.

La vittoria si chiama Pietro Ronaldo Tatanìa, un bellissimo bambino nato nella notte del 3 luglio 2013 al reparto maternità del Nagar. Quel reparto che doveva essere chiuso, che per un lungo periodo è stato chiuso davvero -costringendo 32 gestanti ad andare a partorire a Trapani- ha ricominciato a funzionare grazie a lui, alle proteste delle donne isolane e all’interessamento dell’assessore Lucia Borsellino. Alla fine la ASP ha ceduto e ha deciso di riaprirlo, con dei limiti però: potranno effettuarsi qui solo i parti a basso rischio e di tipo fisiologico. Per le emergenze, per i casi di gravidanza difficile o per i cesarei Trapani o Palermo rimangono l’unica scelta possibile.

Felicissimi i due giovani genitori, Dario Tatanìa e Marianna Rizzo (nella foto, col piccolo Pietro), felici gli abitanti dell’isola che potranno continuare ad assistere le proprie mogli, figlie e sorelle nel periodo più bello e difficile della vita rimanendo nel loro paese. E saranno molte le donne che potranno partorire vicino casa, senza affrontare duri viaggi in aereo o in nave per raggiungere ospedali lontani. L’assessore Borsellino si sta attivando per evitare le chiusure di molti punti nascite in luoghi isolati come Pantelleria, ma per farlo dovranno essere sacrificati i reparti di altre località, come ad esempio quello di Caltagirone. Ma in periodo di crisi, si tenta di favorire i meno fortunati e di regalare qualche sorriso in più, se possibile: come il sorriso di Pietro, che sonnecchia in braccio alla mamma davanti al mare di Pantelleria.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico