Home » Benessere » Tubercolosi: il corpo umano reagisce diversamente in base alla razza

Tubercolosi: il corpo umano reagisce diversamente in base alla razza

La tubercolosi è tornata in Europa. Non si sa bene quali siano le cause, molto probabilmente l’arrivo di tanti nuovi immigrati dall’Africa e dall’Asia, ma anche la trasmissione animale da bovini e ratti ai nostri gatti di casa che poi la portano a noi. Una malattia alla quale non eravamo più preparati, pensando di averla allontanata per sempre e che invece dobbiamo affrontare di nuovo. Saremo all’altezza?

Una domanda da porsi perché studi recenti hanno scoperto che la risposta immunitaria al batterio che causa la tubercolosi varia fra pazienti di diversa origine etnica. In poche parole, in base alla razza si risponde alle cure in un modo o in un altro. La scoperta -della Queen Mary University of London- invita alla ricerca di metodi individuali sia per la diagnosi e il monitoraggio che per la cura vera e propria.

Analizzando la reazione alle cure su persone malate di tubercolosi, si è visto che gli europei e gli asiatici reagivano in un certo modo mentre gli africani in modo del tutto differente. E non si trattava di diversi ceppi della malattia, ma dello stesso tipo (causato dal batterio Mycobacterium tuberculosis). Cambiavano invece i corredi genetici delle persone, gli elementi tipici della razza e la reazione dell’organismo anche in base a caratteristiche specifiche di quel tipo di provenienza. Dunque la razza è un valore importante per questa malattia, e forse anche per altre. E trovare cure differenti non è “razzismo” nel senso negativo del termine ma solo un valido aiuto mirato per tutti.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico