Home » Benessere » MUOS, non fa male alla salute ma …

MUOS, non fa male alla salute ma …

Ricomincia il braccio di ferro sul Muos (Mobile User Objective System), il sistema di mega antennone americane che serve -dicono loro- per sorvegliare le telecomunicazioni in tempo di guerra e che non trova altra collocazione in tutto il Mediterraneo se non il piccolo comune di Niscemi, in Sicilia. E la gente di Niscemi il MUOS non lo vuole: parlano di rischio malattie, di impatto ambientale … ma forse si tratta solo di un (giustificato) rifiuto per una situazione che sembra invadere le loro case, la loro vita, il loro privato per “ragioni di stato”.

Il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, deve aver provato la stessa sensazione quando a marzo ha revocato i permessi di costruzione del sistema, mettendo in crisi gli americani e lo stato italiano che con loro ha una stretta alleanza. Crocetta ha fatto anche di più: ha chiamato diversi esperti dell’Università La Sapienza di Roma e ha fatto dire a loro se il MUOS sia pericoloso o meno. La risposta è stata un “sì”, perchè anche se attualmente non sembrano esserci danni immediati alla salute nessuno sa se ce ne saranno negli anni a venire. E nessuno può saperlo perchè, prima di ora, gli altri MUOS che ci sono nel mondo sono sempre stati costruiti in luoghi disabitati. Anche per questo i siciliani non capiscono perchè devono essere loro le prime “cavie” umane.

Ma se il TAR di Palermo ha definito legittimi gli studi degli esperti della Sapienza e ha confermato la revoca dei permessi di costruzione, lo stato reagisce ordinando uno studio dell’ISS (Istituto Superiore della Sanità) che presenta puntuale il risultato che tutti prevedevano: il MUOS non fa male, si può costruire senza preoccupazione immediata alcuna. Attenzione, però, perchè proprio su quell’immediata si gioca tutto. Nemmeno l’ISS può prevdere i danni futuri, per cui si tratta di un “via libera” a metà. E mentre si attende il risultato dello studio ENAV sulle interferenze che le antennone avranno sui voli civili nel cielo di Sicilia, si spiegano di nuovo gli striscioni e si allestiscono di nuovo gli accampamenti in una guerra che vede ancora una volta poveri contro ricchi, interessi di vita contro interessi di denaro.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico