Home » Benessere » Stamina, punto e a capo: dubbi sulla consegna dei protocolli domani

Stamina, punto e a capo: dubbi sulla consegna dei protocolli domani

Si ricomincia. Sembrava troppo bello per essere vero, l’accordo raggiunto, la promessa della consegna dei protocolli per il 1 agosto, la sperimentazione alle porte… ma puntualmente, alla vigilia della data promessa, Davide Vannoni ideatore del metodo Stamina ci ripensa.E’ tutto pronto, ma potrei decidere di non consegnare nulla, domani!”, dichiara a sorpresa.

Per lui, però, di sorpresa non si tratta. A quanto pare è una scelta ragionata e determinata da una lettera ricevuta pochi giorni fa dal ministro Beatrice Lorenzin in cui si pongono dei dubbi su alcune richieste fondamentali fatte dal Vannoni e che, inizialmente, erano state accettate. Spiega lo stesso Vannoni: “Avevamo chiesto che una CRO, ovvero un’organizzazione internazionale di ricerca a contratto, monitorasse come soggetto super partes la sperimentazione. Inoltre, avevamo chiesto che un esperto da noi indicato prendesse parte al Comitato Scientifico nominato dal ministero per la conduzione della sperimentazione, in sostituzione del professor Cossu che si è dimesso. A queste due richieste ci è stato risposto negativamente

Naturalmente Stamina ha a cuore la sperimentazione, ci sono pazienti che non hanno tempo da perdere e devono sottoporsi alle cure -anche se sperimentali- al più presto. Ma per fidarsi occorre trasparenza assoluta, e se il Ministero si rifiuta di accettare queste due facili richieste, che garantiscono trasparenza, significa che qualcosa non va. Significa, secondo Vannoni, che intendono tirare le fila della sperimentazione a modo loro e senza controlli esterni, una condizione questa che Stamina non potrà mai accettare.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico