Home » Benessere » Cucinato l'hamburger "staminale": non ha sapore ma potrebbe sfamare l'Africa

Cucinato l'hamburger "staminale": non ha sapore ma potrebbe sfamare l'Africa

L’annuncio dall’Olanda era arrivato qualche settimana fa: era stato creato il primo hamburger “staminale”, formato cioè dalla riproduzione controllata di cellule staminali estratte dal muscolo di un bovino. Per la prima volta non è stato necessario uccidere nessun animale per creare una polpetta, cosa che mette d’accordo animalisti e nutrizionisti, ma nessuno aveva ancora provato a mangiarlo.

L’hamburger è stato letteralmente costruito dal nulla dalle staminali, anche se per ottenere la forma vera di una polpetta è poi stato compattato insieme a sale, pangrattato, uova in polvere e succo di barbabietola rossa e zafferano. Anche perchè la polpettina artificiale non ha il colore rosso della carne nè tantomeno ha sapore, per cui occorreva arricchirla e mascherarla un po’. Sono stati i ricercatori olandesi a sperimentare la sua cottura e lo hanno anche assaggiato.

Produrre hamburgers in serie con questo metodo, oltre a non causare la morte di animali, farà risparmiare moltissimi soldi. Una mucca impiega molti anni per diventare pronta a produrre carne e quindi bisogna mantenerla e nutrirla (con dispendio di denaro) fino alla macellazione. E anche quella costa molti soldi. Con l’hamburger staminale, invece, si potranno produrre a costo bassissimo infinite quantità di carne, tali da sfamare l’Africa! Si tratta solo di migliorarne l’aspetto, il sapore e soprattutto di assicurarsi che col tempo non ci siano effetti collaterali dannosi nascosti.

admin

x

Guarda anche

Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile: servono cure mirate

Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro. In occasione della XVI Giornata ...

Condividi con un amico