Home » Benessere » Salmonella: da nemico a vaccino

Salmonella: da nemico a vaccino

Non è una novità, tutti i vaccini del mondo sono nati da un virus “cattivo” manipolato in modo da poter creare invece qualcosa di buono, fin dal primissimo prototipo che utilizzò il vaiolo delle vacche (da cui “vaccino”) per curare il vaiolo umano. Non si pensava, però, che si prestasse a questo anche la Salmonella.

Secondo lo studio portato avanti dalla Arizona State University, e di recente pubblicato dalla rivista Journal of Bacteriology, il microrganismo responsabile di questa malattia può essere convertito in un prezioso alleato per la medicina se non addirittura in un vero e proprio vaccino che curerà la Salmonella stessa. E’ stato dimostrato che prendendo una versione attenuata del batterio della Salmonella, e ripristinando soltanto in minima parte la sua capacità di resistere al pH dello stomaco, si può allenare l’organismo a fortificarsi. In poche parole, la tecnica è la stessa … allenare il fisico con un nemico debole per carpirne i segreti e usarli, poi, meglio col nemico più forte.

In tal modo si crea una immunizzazione che però, nel caso della Salmonella in particolare, dovrà essere studiata nel dettaglio e migliorata in base alle varie situazioni. Infatti, il virus che scatena questa malattia ha una risposta diversa in base all’individuo e alle sostanze acide che incontra nello stomaco. E’ difficile creare un vaccino efficace uguale per tutti e si dovranno studiare certamente delle varianti, ma la base di partenza (la creazione della risposta immunitaria) c’è stata e da lì si dovrà cominciare.

admin

x

Guarda anche

Il costo pesante di chi non si cura

Quando ignoriamo un malanno, ci curiamo tardi o rifiutiamo di curarci spesso crediamo di risparmiare ...

Condividi con un amico