Home » Benessere » Vaccini pericolosi e mortali? Notizie false e inutilmente allarmistiche

Vaccini pericolosi e mortali? Notizie false e inutilmente allarmistiche

Di recente si sta diffondendo in giro una pericolosa diceria, secondo la quale i vaccini sono potenziali rischi cancerogeni e che non proteggono per niente, anzi, fanno male ai bambini. L’assurdità di queste dichiarazioni, oltre a essere smentita costantemente da generazioni di ex bambini vaccinati da piccoli e perfettamente sani, si aggrappa a un unico caso -registrato in Francia- legato ad alcuni vaccini con l’alluminio come adiuvante.

Fare di tutta l’erba un fascio è sempre pericoloso, soprattutto se la spiegazione esiste. In Francia in effetti, alcuni pazienti vaccinati con queste medicine contenenti alluminio avevano avuto reazioni poco chiare come infiammazioni, rossori e qualcuno anche manifestazione di malattie come la miofascite macrofagica. Dato che questo elemento è anche nei vaccini comuni come quelli contro l’epatite A e B, il papillomavirus e quello trivalente contro difterite, tetano e pertosse (DTP), ecco diffondersi erroneamente notizie allarmistiche su tutti.

Un’indagine condotta dal Consiglio Superiore della Sanità Pubblica francese ha escluso categoricamente che l’elemento alluminio aggiunto come adiuvante in alcuni vaccini possa essere un rischio generale al punto da far bollare i vaccini come “mortali”. Come in tutti i campi della medicina, esiste sempre l’1% di rischio in tutti gli interventi ed esistono organismi particolari che tollerano più o meno bene certi elementi. Se qualche volta un vaccino ha causato problemi, ciò non significa che “tutti i vaccini” siano fonte di problemi. Oggi che lo conferma anche una ricerca medica si dovrebbe sedare la polemica, fermo restando che chiunque è libero di agire come meglio crede sulla propria salute a patto di essersi ben informato prima sui rischi che corre.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico