Home » Benessere » E se Dio fosse solo un fattore genetico …?

E se Dio fosse solo un fattore genetico …?

Negli Stati Uniti, alcuni ricercatori si stanno dedicando da un po’ di tempo a capire il segreto della longevità di alcuni esseri umani e del loro modo diverso di affrontare la vita e le sue difficoltà. Dean Hamer, nel suo libro “The God Gene” (Il gene Dio) ancora inedito in Italia, ce ne racconta alcuni. In poche parole si è visto, tramite questi studi, che la fede è anche un fattore genetico.

Non deve per forza essere fede religiosa, può anche essere fede nel futuro, nelle proprie capacità e così via. Riporre la propria fiducia in qualcosa, permette di allentare lo stress sulle difficoltà e di alleggerire il carico delle paure che fa naturalmente parte del nostro essere umani. Gli studi fin qui condotti hanno dimostrato che le persone molto religiose hanno trasmesso questa “fede” ai propri figli e nipoti. Non a tutti, però. Dunque non è un fattore di educazione, ma di “passaggio di geni”. I figli che ereditano quel gene, riescono ad aver fede come il genitore.
Le persone che “hanno la predisposizione genetica alla fede” vivono più a lungo e meglio, perchè conducono una vita più tranquilla e rilassata. Chi invece non riesce a credere in nulla, spesso e volentieri finisce sotto stress, o vittima di violenza e di “aiuti esterni” come droghe e alcol. Dunque, se credete a un signore con la barba seduto in cima al Paradiso o soltanto alle vostre forze, è possibile che voi siate stati dotati di questo enorme dono ereditario dalla biologia umana che tramite i vostri genitori ha operato in voi, e per questo siete più sereni di tanti altri al mondo. Se poi questo misterioso gene è un retaggio di qualcosa di soprannaturale che esiste davvero … lo scopriremo, se sarà il caso, al momento giusto.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico