Home » Benessere » Bloccando una molecola, il "jet-lag" non sarà più un problema

Bloccando una molecola, il "jet-lag" non sarà più un problema

Il “jet-lag”, il malessere e il senso di stanchezza dato dai lunghi spostamenti in aereo, non sarà più una scusa valida per i fifoni che hanno paura di viaggiare. Sta infatti per arrivare una soluzione medica al disturbo da viaggio che permetterà a tutti di affrontare vacanze e viaggi di lavoro al meglio.

Bisogna ringraziare i ricercatori dell’Università di Oxford, per questo. I loro laboratori stanno in questi giorni mettendo a punto il farmaco anti-jet-lag che dovrebbe migliorare la vita di molti. Il problema del corpo -si è visto dai test condotti sui topi- è che va troppo lentamente e non recupera a pieno i ritmi giorno-notte. Tutto per colpa di una molecola, SIK1, che limita gli effetti dell’orologio biologico. Se la si inibisce negli animali, questi si adattano più in fretta al cambiamento di ritmo luce-buio. Dovrebbe essere dunque automatico ottenere lo stesso risultato anche negli uomini. Grazie a questa base di partenza si sta lavorando, in Inghilterra ma anche in Svizzera, per mettere a punto un farmaco che aiuti a sconfiggere il disturbo da fusorario e renda più piacevoli i nostri soggiorni all’estero.

admin

x

Guarda anche

Parto in inverno e minor rischio depressione

Il parto in inverno sarebbe legato ad un minor rischio di soffrire di depressione. A ...

Condividi con un amico