Home » Benessere » Scandalo Stamina: ci sarebbero accordi con una casa farmaceutica?

Scandalo Stamina: ci sarebbero accordi con una casa farmaceutica?

Tutto tace ufficialmente intorno al metodo Stamina e alla sperimentazione che dovrebbe partire tra poco. Dopo tante pressanti manovre, dopo un incredibile tira e molla, dopo l’approvazione da parte del Ministero della sperimentazione ora tutto potrebbe saltare. Non ci sono prove, non c’è sicurezza, solo “voci” e sospetti ma a quanto pare la sperimentazione si potrebbe fermare prima di partire.

Nonostante il lunghissimo elenco di malattie che Stamina potrebbe curare, secondo quanto presentato dai protocolli -e che comprende malattie cardiache, autoimmuni, Parkinson, lesioni spinali, lupus eritematoso sistemico, danni renali, ictus cerebrale, Alzheimer, sclerosi multipla, diabete mellito di tipo I, e diverse altre- potrebbe presto arrivare una bocciatura e dunque la sperimentazione salterebbe. Il problema sta non solo nel “metodo segreto” con cui le cellule staminali adulte vengono rielaborate per divenire cure per bambini in condizioni disperate, ma anche nelle dichiarazioni di Vannoni che ha sempre invocato una missione a scopo gratuito per il bene dei suoi pazienti.

Se non che esisterebbe una lettera dello scorso febbraio, a firma di uno studio legale, che dice testualmente: “Stamina ha ceduto la metodica a società di un gruppo di ricerca e sviluppo farmaceutici, che ha previsto penali pesantissime nei confronti del prof. Vannoni nel caso in cui vengano divulgate, senza autorizzazione scritta, informazioni confidenziali“. Se Vannoni ha già fatto accordi con una casa farmaceutica che finanzierebbe il progetto, perchè portare avanti una sperimentazione a spese dello stato? Si attendono delucidazioni o smentite, mentre altre nuvole scure si addensano sul metodo Stamina.

admin

0 Commenti

  1. Vannoni è il nuovo Di Bella. Se una cura medica è segreta, non può essere scientifica.

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico