Home » Benessere » Esperimenti sui pesci per un nuovo farmaco anti epilessia

Esperimenti sui pesci per un nuovo farmaco anti epilessia

Combattere l’epilessia grazie a un pesce? Sembra strano ma sta succedendo proprio questo, se le ricerche degli scienziati della University of California di San Francisco si dimostreranno, come pare possibile, esatte. I ricercatori hanno infatti scoperto un potenziale elemento positivo contro questo disturbo e ne stanno testando il probabile farmaco sui pesci zebra.

Questi pesci riescono a sviluppare sintomi molto simili a quelli dell’epilessia infantile, la sindrome di Dravet, che è intrattabile e che può avere conseguenze fortemente invalidanti per tutta la vita. Testando su questi animali un farmaco antistaminico (Clemizolo) nemmeno tanto sconosciuto, dato che fu scoperto nel 1950 nel trattamento del prurito, i ricercatori si sono accorti che aveva effetti interessanti sulla regressione dei sintomi. Diminuivano le convulsioni, i deficit cognitivi e sicuramente le conseguenze nel tempo.
Dato che la sindrome epilettica di Dravet deriva dalla mutazione in un singolo gene (il gene SCN1A), l’ipotesi allettante è che tali ricerche potranno non solo aiutare i piccoli pazienti affetti da questa malattia ma avviare nuovi studi su altri tipi di epilessia ereditaria derivati dalla mutazione di un gene. Per il momento gli studi proseguono per cercare il modo di trasformare questo semplice antistaminico in un nuovo farmaco contro l’epilessia.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico