Home » Benessere » Mammografia, eseguirla prima dei 50 anni salva il 95% di vite

Mammografia, eseguirla prima dei 50 anni salva il 95% di vite

La regola d’oro dice: autopalpazione durante l’adolescenza e la giovinezza, ecografia dopo i 35 anni, mammografia dai 50 anni in su. La prevenzione contro il tumore al seno -curabile se preso per tempo, mortale se ignorato- passa da questi step legati all’età anche se per esempio nelle donne che hanno una storia familiare di cancro al seno i controlli dovrebbero essere costanti e completi sempre.

Una nuova ricerca made in USA però avanza nuove ipotesi. E cioè che il nuovo aumento di casi di tumore sia legato a un errore di prevenzione. La mammografia, infatti, andrebbe fatta molto prima dei 50 anni perchè grazie a questo esame si può individuare un tumore anche quando è molto piccolo e la cura avrebbe effetto garantendo una sopravvivenza del 95% dei casi, che non è davvero poco! Ma la mammografia ha sempre trovato molti detrattori insieme ai promotori.

Chi è contrario parla di risultati spesso allarmanti che si rivelano poi solo “falsi allarmi”, parla di personale poco competente che a volte danneggia il seno, parla di cure basate su cattive interpretazioni dello stesso esame. L’ospedale di Boston, però, ha analizzato la storia di oltre 7.000 donne e ha visto che dei 609 decessi registrati (su 7300 pazienti trattate), il 29% riguardava donne che si erano sottoposte a mammografia, mentre il 71% riguardava chi non aveva eseguito il test. A conferma dunque che chi ignora questo esame corre rischi più elevati di combattere una malattia senza speranza. La metà delle donne decedute aveva meno di 50 anni, da qui l’ipotesi che la mammografia vada anticipata ai 40 anni.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico