Home » Benessere » Mente e corpo: ecco che cosa ci fa piangere di gioia

Mente e corpo: ecco che cosa ci fa piangere di gioia

Quando qualcuno ci fa arrabbiare, o perchè ci umilia o perchè ci provoca, spesso piangiamo. Quando riceviamo una notizia molto triste, piangiamo pure. Ma perchè si piange anche per la troppa gioia? La felicità, lo sanno tutti, è contrassegnata da muscoli rilassati, angoli della bocca in su, occhi luminosi … insomma, dal sorriso. Per logica, quando siamo molto felici dovremmo ridere a crepapelle, invece piangiamo. Come mai?

In realtà, spiegano gli esperti, non esiste differenza tra felicità e tristezza. Se ci fate caso, infatti, anche quando ridiamo a crepapelle gli occhi lacrimano. La lacrimazione è una reazione dell’occhio quando è sovrastimolato. Quando proviamo un’emozione (tristezza, rabbia, gioia, paura) il corpo si mette in allarme: proviamo l’angoscia dell’attesa, l’esperienza diretta della “prova” e infine il risultato. Durante la fase dell’angoscia e della prova ci emozioniamo, ovvero il cuore accelera i battiti, la pressione sballa, la respirazione aumenta e l’occhio, agendo di conseguenza, lacrima cercando di alleggerire la tensione.
Altre teorie, invece, ci informano che noi non piangiamo per l’evento in sé ma per scaricare una tensione nervosa dopo che lo stesso evento che ci ha tenuti col fiato sospeso (una rissa, una perdita, un regalo, una sorpresa). Una volta presa coscienza dello stress appena vissuto, il corpo si rilassa e la lacrimazione sarebbe appunto un mezzo di rilassamento totale. Un po’ come la reazione estrema dello svenimento, anche quello un modo brusco che ha il corpo di rilassarsi. In ogni caso, qualunque sia la teoria giusta, una cosa è certa: piangere di felicità è molto più bello che piangere di dolore.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico