Home » Benessere » Staminali neuronali contro la SLA: non solo una teoria

Staminali neuronali contro la SLA: non solo una teoria

In Italia sono 6000 i malati di Sclerosi Laterale Amiotrofica, una grave malattia che colpisce il sistema nervoso e in particolare i neuroni che regolano il movimento. E’ chiamata anche la “malattia degli atleti” perchè si manifesta con una frequenza impressionante nelle persone che fanno sport a livello professionistico. Tutt’oggi non ci sono cure, ma la ricerca è sempre attiva.

Di recente, al Centro Dino Ferrari della Fondazione Policlinico di Milano, si è cercato di verificare una teoria secondo la quale le cellule staminali avrebbero la capacità di inserirsi nel sistema nervoso, adattandosi e riparandone i danni. Si è tentato l’esperimento su alcuni topi malati di un morbo molto simile alla SLA. Sono state prelevate da un soggetto adulto delle cellule staminali, le hanno “ricondotte” allo stato primitivo col metodo Yamanaka e poi riprogrammate per essere cellule neuronali. Dopo di che sono state infuse nel midollo spinale del topo malato.

In pochissimo tempo le cellule “neonate” si sono adattate al nuovo ambiente, hanno assunto le caratteristiche dei neuroni presenti e hanno così sostituito quelli malati o morti a causa del male. Le nuove cellule, inoltre, avevano anche una caratteristica in più: erano protette contro gli attacchi esterni. Da qui la conferma che l’impianto di cellule staminali neuronali è in grado di agire contro la SLA (i miglioramenti nel topo sono stati quasi immediati) e potrebbe essere la base per una cura. Così come potrebbe essere base per la cura di molte altre malattie degenerative del cervello… e non solo.

admin

x

Guarda anche

Vivere con cani e gatti migliora la salute dei bambini

Vivere con cani e gatti migliora la salute dei bambini sin dai primi mesi. A ...

Condividi con un amico