Home » Benessere » Settimana informativa sui tumori alla gola: presentato il telefono che "parla per te"

Settimana informativa sui tumori alla gola: presentato il telefono che "parla per te"

I tumori della testa e del collo sono i meno conosciuti, eppure il loro numero è in aumento. Non solo, ma la maggior parte della gente ignora che essi includono anche i tumori al cavo orale e alla gola. E dato che siamo nel pieno della Settimana Europea di Prevenzione di questo tipo di tumori, sarebbe bene informarsi e imparare a conoscere sintomi e problemi ad essi correlati.

Un mal di gola, un’afta o la raucedine, di per sé, non sono mai indice di qualcosa di grave. Ma se uno -o più- disturbi della gola e della bocca dovessero perdurare per più di 3 settimane fatevi una visita di controllo perchè potreste essere a rischio tumore. I sintomi da sorvegliare, nelle settimane, sono: mal di gola, raucedine persistente, bruciore alla lingua, deglutizione faticosa o dolorosa, ulcere o placche rosse o bianche in bocca. Se prese per tempo, queste forme tumorali possono garantire una sopravvivenza fino al 90%, dunque il rischio mortalità è basso. Il tutto sta nel far bene la prevenzione.

Chi viene colpito da tumori alla bocca e alla gola, nei casi più gravi deve essere operato e perde la voce. Sono tante le persone che non possono parlare per colpa di queste malattie e per loro oggi esiste un aiuto concreto grazie ai telefonini di ultima generazione e a una speciale Applicazione. L’App in questione, ideata da Merck Serono su suggerimento di alcuni pazienti, si può scaricare gratuitamente dagli store Apple (App Store) e Android (Google Play). E’ un programma di vocabolario e frasi già confezionate relativo a tutti i momenti della vita di una persona, che si esprime al posto della bocca malata. Ancora in fase di miglioramento, è però una grande innovazione che presto verrà aggiornata con un traduttore per usarla anche all’estero.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico