Home » Benessere » Prima gamba bionica impiantata a un giovane trentenne di Chicago

Prima gamba bionica impiantata a un giovane trentenne di Chicago

Dovremmo imparare a guardare i telefilm americani con occhio critico, perchè anticipano sempre di qualche decennio le scoperte scientifiche. Ricordate, KITT, la macchina con computer incorporato che faceva tutto e che ha preceduto i tom-tom e i cellulari? Ricordate i telefoni senza fili di Base Lunare Alfa che ci annunciavano gli smartphone? E sicuramente ricorderete L’Uomo Bionico, il bel Lee Majors che dopo un incidente aveva avuto ricostruito il corpo meccanicamente con grandi vantaggi e poteri!

Anche quel film anticipava un’industria, quella degli arti artificiali, che da noi era ancora un sogno ma che negli USA era già realtà negli anni Ottanta. E oggi, gli uomini bionici ci sono davvero. Certo non hanno i poteri del personaggio del telefilm, che poteva saltare con un unico balzo interi caseggiati … ma ritrovano l’uso di gambe e braccia per superare le piccole difficoltà della vita quotidiana. Come è successo a Zac Vawter, un programmatore di 31 anni.

Zac aveva perso una gamba in un incidente stradale ed è stato sottoposto alle cure presso il Rehabilitation Institute of Chicago, dove però è anche diventato oggetto di ricerca per questo primo esperimento di impianto bionico di un intero arto. Prima di vedere la sua nuova gamba applicata, il ragazzo ha subito un innovativo intervento di “reinnervazione mirata”, che ha portato i nervi da dentro la coscia all’esterno. Queste terminazioni nervose sono state poi collegate ad un mini computer interno che anticipa i movimenti della gamba, “leggendo” i segnali elettrici che provengono dal cervello. Forse non verrà ingaggiato dalla CIA per combattere il male, ma Zac sa benissimo che la sua vita da oggi è cambiata… in meglio.

admin

x

Guarda anche

Una “buona” cura preventiva per l’infarto? Lo yogurt

Mangia yogurt e campa cent’anni. O per lo meno, se ti ammalerai, non sarà per ...

Condividi con un amico