Home » Benessere » Logopedia: il bilinguismo corregge l'afasia

Logopedia: il bilinguismo corregge l'afasia

Lo hanno scoperto i ricercatori canadesi dell’università di Montreal, e non poteva essere altrimenti dato che il Canada convive col bilinguismo da sempre. Proprio la conoscenza di due lingue aiuta infatti le persone che hanno perduto la capacità di produrre linguaggio a recuperare. Si chiama AFASIA, il problema, e di solito sorge dopo un trauma o dopo un ictus. La persona non riesce più a comprendere e/o a produrre i suoni della propria lingua.

L’afasia si tratta con le sedute di Logopedia, ovvero esercizi di modulazione del fiato e della voce che aiutino a ritrovare la padronanza del linguaggio. La ricerca canadese però ha visto che nel caso di persone bilingue (e il Canada, anglo e francofono, ne è pieno!) la logopedia basata su questo fattore funziona meglio. In poche parole, il terapista punta su corsi, lezioni ed esercizi per migliorare la seconda lingua, quella meno usata. Accentuando il ritmo su questa, si è visto che il paziente recupera prima la funzionalità del linguaggio e la applica automaticamente (e più facilmente) anche alla lingua madre.

La tecnica può funzionare e sarebbe bene imparare a migliorarla, anche perchè il mondo si presenta sempre più come un mix di culture, razze e lingue e il bilinguismo “terapeutico” può essere sfruttato ovunque. In Europa con le lingue mediorientali, in USA con le lingue latinoamericane, in Asia con l’hindi e così via. La tecnica si chiama Cross Linguistic Therapy e lo studio che ne svela il funzionamento è stato pubblicato sulla rivista scientifica Behavioural Neurology Journal.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico