Home » Benessere » L'evoluzione innovativa di alcune proteine aiuterà a capire i super-batteri

L'evoluzione innovativa di alcune proteine aiuterà a capire i super-batteri

L’evoluzione dell’uomo passa anche dall’infinitamente piccolo. Noi non ce ne accorgiamo, ma ogni generazione presenta minuscoli cambiamenti che la rendono diversa e migliore di quelle di prima. Altezza, bellezza, colore della pelle … sono dovuti a cambiamenti cellulari infinitesimali, e anche a variazioni molecolari e delle proteine che compongono il nostro organismo.

Presso lo Scripps Research Institute (Tsri) un gruppo di ricercatori ha di recente scoperto una proteina dalla inedita strategia evolutiva, provata dal fatto che, in centinaia di milioni di anni, essa ha lentamente cambiato non tanto le sue basi molecolari, come sarebbe logico, quanto i suoi movimenti. La proteina, a base di enzima diidrofolato reduttasi, potrebbe fornire così nuove prospettive di ricerca e di comprensione non solo per il processo evolutivo suo proprio, ma anche in generale per quello di tutti gli esseri.
Il diidrofolato reduttasi è un enzima cruciale per la sintesi del DNA. Tutti gli organismi viventi lo possiedono ed è l’obiettivo preferito di alcuni farmaci che curano malattie importanti, come antibiotici e tumori. Capire come si comporta questo enzima aiuterà anche a capire perchè alcune malattie sono resistenti più di altre, come si evidenzia dalle prime ricerche che hanno comparato l’enzima umano a quello di alcuni batteri e si è vista la differenza evolutiva legata anche a una forma diversa che gli permette di difendersi dagli “attacchi” dei farmaci.

admin

x

Guarda anche

Ecco il cerotto “salvasesso”

Il sesso dopo gli “anta” … un problema, e non solo per lei, che andando ...

Condividi con un amico