Home » Benessere » Mente e corpo: gli stressati di facebook che non sanno più far l'amore

Mente e corpo: gli stressati di facebook che non sanno più far l'amore

Ansia, insonnia, emicrania, irritabilità, calo del desiderio e altri problemi sessuali. E come se ciò non bastasse, compromissione della sfera emotiva con problemi relazionali e depressione. La terribile malattia che presenta tutti questi sintomi in una volta si chiama Tecnostress e colpisce, solo in Italia, due milioni di persone. Sotto accusa: facebook, i tablet, i telefoni super-moderni.

Il Tecnostress, infatti, non è altro che una forte dipendenza dal mondo virtuale e da tutti gli strumenti che ce lo offrono come, appunto, gli smartphone e gli i-pad. Ormai il computer è tutta la nostra vita, nel bene e nel male. E la possibilità di portarci dietro la connessione web ovunque andiamo fa sì che, oltre che per lavoro, la tecnologia ci stressi anche nel tempo libero. E così ecco le azioni compulsive (controllare sempre facebook, instagramm o la email), ecco le ansie (notizie 24 ore su24) e perfino i complessi nella sfera sessuale (le troppe informazioni a riguardo che girano su Internet)!

In particolare gli uomini, per il 16% soffrono di calo del desiderio sessuale causato dalle troppe visite ai siti porno del web ma anche dallo stress mentale che comporta vivere troppe ore al giorno davanti a uno schermo. Per curare il calo di desiderio (astenia sessuale) basta ricorrere a uno di questi farmaci: integratori a base di Tradamixina, un composto naturale a base dell’alga Ecklonia Bicyclis, Tribulus Terrestre e Glucosamina. Ma per guarire dalla dipendenza da web e dal Tecnostress occorre qualcosa di più diretto, come le sedute con lo psicologo ma anche -soprattutto!- il ritorno alla fisicità: carezze, coccole, vita sociale, amici, amanti.

admin

x

Guarda anche

Oggetti erotici, rischio altissimo soprattutto per le donne

Sorpresa… le ragazze italiane lo fanno spesso. E lo fanno da sole, e molto volentieri! ...

Condividi con un amico