Home » Benessere » Molecola anti Alzheimer scoperta in Inghilterra

Molecola anti Alzheimer scoperta in Inghilterra

Una speranza che per adesso rimane chiusa in laboratorio, ma pur sempre una speranza. Sarebbe stata scoperta una molecola in grado di fermare la neurodegenerazione data da alcune gravi malattie -Alzheimeri, Corea di Huntington, Parkinson– e si sta lavorando per creare da questa molecola un prodotto chimico commerciabile e utilizzabile su esseri umani. Avviene in Inghilterra, grazie anche al contributo di una dottoressa italiana, Giovanna Mallucci.

Potrebbe davvero essere il punto di svolta nella ricerca contro l’Alzheimer, anche se per ora i risultati si vedono solo sui topi e ci vorrà tempo per ricavarne un medicinale adatto all’uomo. Nessuna corsa al miracolo, quindi, ma la certezza che la ricerca è sulla strada giusta, finalmente. Gli studiosi britannici, infatti, stanno lavorando in questi giorni sulla sostanza chimica che regola i processi degenerativi di queste malattie. Quando un virus attacca una cellula del cervello, si accumulano proteine in eccesso per cui la cellula si difende bloccando tale produzione di proteine in modo da fermare il virus.

Nelle malattie come l’Alzheimer, però, l’interruzione dura così a lungo che nel tempo le cellule muoiono e con esse le attività cerebrali. Si tratta dunque di un normale meccanismo di difesa divenuto però anomalo e pericoloso. La scoperta inglese riguarda proprio questo eccesso di difesa. La molecola in questione riesce a riequilibrarlo e impedirebbe alle cellule di morire, come dimostrano i test sui topi destinati ad andare incontro a compromissione cerebrale e alla morte in 12 settimane e che invece sono ancora vivi, con il processo degenerativo bloccato del tutto.

admin

x

Guarda anche

Tra i giovani allarme per fumo, alcol e sesso non protetto

Allarme tra i giovanissimi per i rischi legati a fumo, alcol e sesso non protetto. ...

Condividi con un amico