Home » Benessere » Donna incinta investita a Milano: il dramma di quattro vite spezzate

Donna incinta investita a Milano: il dramma di quattro vite spezzate

Sono quattro -se non addirittura cinque- le vite spezzate, in questo drammatico incidente che ha scosso Milano. C’è lei, una ragazza di 29 anni incinta di sette mesi che muore investita insieme al bimbo che porta in grembo; c’è il figlio maggiore, di 4 anni, che era con lei; c’è il ragazzo di 28 anni che li ha investiti, che si è subito fermato ma che non ha potuto salvarli. E c’è anche un marito che ha perso in un attimo tutta la famiglia.

E ci sono infiniti altri drammi minori. Il buio che ha impedito al ragazzo di vedere i pedoni, la fretta che ha spinto questa giovane mamma ad attraversare incautamente una superstrada a tre corsie, il bambino di 4 anni che forse si poteva salvare ma che, sbalzato venti metri più lontano della madre, è stato trovato solo un’ora dopo già moribondo sotto un ponte. C’è il dramma di quel fotografo che ha scattato le foto sulla scena dell’incidente e nemmeno lui si è accorto del bimbo sotto il ponte (che pure compare nelle foto). C’è il dramma dei medici, quando si sono resi conto che il bambino mancava all’appello.

Una tragedia che per ora non ha colpe, proprio perchè ne ha tante, anzi troppe. Tre vite spente per sempre, altre due che si danneranno l’anima in eterno nel ricordo di questa disgrazia e tante altre che non dimenticheranno mai. Ci si domanda se si poteva evitare, e soprattutto -dato che il giovane investitore si è subito impegnato a soccorrere- se non sia stato tutto frutto di un problema reale, fisico, di occhi che non hanno visto per qualche problema legato al buio. O di tutto un insieme di cose che dovevano incrociarsi proprio quella sera.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico