Home » Benessere » HOTEL A, un nuovo approccio all'Alzheimer

HOTEL A, un nuovo approccio all'Alzheimer

Chi l’ha detto che i malati di Alzheimer sono pericolosi, stressanti e problematici? Forse sono così solo perchè non riescono a canalizzare bene le loro attenzioni, deviate dalla malattia, in qualcosa di diverso da sé. Forse esiste un modo per farli sentire utili anche quando la malattia ha minato nel profondo il loro organismo.

Ed ecco che a Gallarate parte il progetto HOTEL A, dove “A” sta per Alzheimer. Si tratta del primo esperimento di istituto di ricovero per anziani malati dove i pazienti non sono passivi ma hanno un ruolo importante e dinamico anche nel modo di affrontare la malattia. Il nuovo modo consiste nella socializzazione e nel rendersi utili agli altri, secondo quanto dichiarano i ricercatori coordinati dal Dottor Predazzi, che stanno portando avanti questa sorta di terapia sociale.
L’HOTEL A sarà una struttura all’avanguardia dove non solo i malati di Alzheimer vengono accuditi ma possono anche relazionarsi con altre persone che vivono la loro stessa esperienza. Sarà un luogo in cui gli stessi pazienti possono aiutare in cucina, animare le feste, servire ai tavoli … dunque sentirsi vivi e utili, nonostante i tanti “stop” della malattia.
Si comincia con 20 posti letto, garantiti grazie alla fondazione Il Melo, e si spera di poter diffondere l’idea anche ad altre strutture nell’attesa che i risultati di questo “esperimento” diano un barlume di speranza in più ai familiari di persone che vivono lo stesso dramma.

admin

0 Commenti

  1. Vi segnalo il link del sito internet ufficiale di Hotel Alzheimer: http://www.hotelalzheimer.it

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico