Home » Benessere » Celiachia: anche la Barilla toglie il glutine

Celiachia: anche la Barilla toglie il glutine

In Italia sono appena l’1%, ma in cifre corrispondono a più di mezzo milione di persone che, unite agli intolleranti (900.000) diventano un campione considerevole. La celiachia è una vera e propria malattia perchè impedisce al corpo di assimilare le proprietà di prodotti a base di frumento (pane, pasta), ma anche segale, avena e orzo. Una dieta che si riduce all’improvviso a pochi alimenti, altrimenti si va incontro a infiammazioni intestinali e diarrea cronica.

I bambini celiaci imparano fin da piccoli a evitare pizzette e panini, a domandare sempre cosa contengono i cibi e ad acquistare il loro mangiare solo nei negozi “senza glutine”. Negozi che vendono a caro prezzo, perchè sono ancora poche le persone che consumano questi alimenti e il commercio “non conviene”. Ma purtroppo il numero dei celiaci -e degli intolleranti al glutine- è destinato a salire nei prossimi anni e i produttori non potranno più ignorarlo.

Non lo ignora più nemmeno la più famosa pasta italiana, la Barilla, i cui rappresentanti sono intervenuti a Milano ad un convegno sull’alimentazione. Erano presenti, tra gli altri ospiti, anche Gianluigi De Angelis, direttore dipartimento Materno infantile e Uoc Gastroenterologia ed endoscopia digestiva di Parma, e Caterina Pilo, direttore generale della AIC (Associazione Italiana Celiachia). La Barilla ha presentato in questa occasione la nuova produzione di pasta senza glutine per questo tipo di clientela speciale. La pasta si baserà sulla unione di mais bianco, mais giallo e riso, unici cereali tollerati dai celiaci.

admin

x

Guarda anche

Yoga, benefici per grandi e piccini

Lo yoga fa bene a grandi e piccini. A rivelarlo è uno studio dell’Università canadese ...

Condividi con un amico