Home » Benessere » Batteri: scoperta la "pompa" che li rende invincibili

Batteri: scoperta la "pompa" che li rende invincibili

I batteri resistenti sono un fenomeno talmente in espansione che si sta diffondendo anche nelle nostre case, non più solo in ospedale. Alcuni batteri infatti avrebbero cominciato a resistere anche ai comuni disinfettanti per la casa, anche all’acqua ossigenata per le piccole ferite e ai detersivi! Uno studio australiano ci aiuta a comprendere: condotto dai ricercatori della Macquarie University di Sydney, e pubblicato sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS)”, si è finalmente capito qual è il motore che sta producendo questa specie mostruosa di batteri.

Un tempo ci si difendeva dalle infezioni col fuoco, poi si è scoperto che bastava lavarsi spesso, poi si è migliorata la protezione grazie a saponi e disinfettanti. Oggi, però, ci vuole ben altro. E per capire quali nuove armi usare è importante capire anche cosa muova il nemico! Lo studio ha analizzato i batteri che resistono alla Clorexidina, un importante e diffusissimo antisettico, presente anche nei colluttori e nei saponi liquidi. Il prototipo del “superbatterio” (Acinetobacter baumannii) possiede un gene speciale che produce una proteina “a pompa” in grado di risucchiare ed espellere il disinfettante dalla cellula.

Geni simili potrebbero esistere anche negli altri batteri resistenti. Adesso che si è individuato il meccanismo e quello che lo fa funzionare, la ricerca si dirigerà su quella strada e potrà finalmente aprire la speranza a una soluzione che fermi questi batteri potenti. Nel frattempo, occorre educare la gente a un corretto uso dei medicinali. E’ stato l’abuso di farmaci ad “abituare” i batteri e i virus al punto da renderli invincibili.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico