Home » Benessere » Medicina: curatevi con i libri

Medicina: curatevi con i libri

In Italia si legge pochissimo. In compenso si scrive troppo. Chiunque, nel nostro Paese, ha almeno un romanzo nel cassetto, alcuni anche più di uno. Si stampa, si promuove, si vende, magari si compra pure per fare regali … ma non si legge. Ed è un peccato, sia perchè la lettura batte la peggiore delle malattie, l’ignoranza, e sia perchè i libri si possono usare anche come terapia medica.

Si chiama BIBLIOTERAPIA e l’ha “inventata” l’Università svedese di Göteborg dopo alcune ricerche condotte su persone con malattie di lungo corso, alcune malate anche di tumore, o in fase di recupero riabilitativo dopo traumi o ictus. Quando una malattia si prolunga nel tempo è facile che porti allo scoramento, all’autocommiserazione e faccia passare la voglia di reagire. Durante questo studio, però, si è visto che alcuni pazienti (in maggioranza donne) reagivano meglio dopo aver letto un libro.
Molti sceglievano libri scritti da persone con quella stessa malattia, per trarre coraggio dalla esperienza simile, altri preferivano libri di evasione apposta per non pensare alla malattia. In entrambi i casi, però, la reazione fisica e mentale è stata ottima. Si è vista una ripresa dell’energia e dunque del miglioramento sulla malattia. Con la biblioterapia si sono curati alcuni casi di dolore cronico, alcuni casi di sofferenza post chemio, e perfino bambini con tendenza al bullismo. Ovviamente “la cura dei libri” va scelta con criterio, con il consiglio di uno psicologo dietro, per evitare che a una persona violenta o maniaca venga dato un libro che parli di omicidi o di stupri, o ad una persona depressa venga dato da leggere un dramma con finale tragico! Al di là della malattia, comunque, i libri fanno bene anche ai sani. Cominciare (o ricominciare) a leggere è forse l’unico modo che ci è rimasto per guarire davvero, come persona e come società.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico