Home » Benessere » Ha un nome l'italiana costretta a partorire in Inghilterra

Ha un nome l'italiana costretta a partorire in Inghilterra

Fa ancora indignare la storia della donna italiana costretta a partorire e lasciare la propria bimba in Inghilterra, ai servizi sociali, senza più possibilità di vederla. Una storia combattuta, contrastante, con dichiarazioni e smentite continue che però ha al centro una sola certezza: una madre a cui è stata tolta la piccola appena nata.

Lei si chiama Alessandra Pacchieri, ha 35 anni e vive a Chiusi. Lo rivela “Panorama” in uno scoop esclusivo che toglie i primi veli all’inchiesta. La donna -che certamente ha una vita movimentata, con due figli avuti da uomini diversi e entrambi stranieri- la scorsa estate si trovava in Inghilterra temporaneamente quando a suo dire è stata ricoverata a forza durante una crisi di panico. In quel frangente, costretta a partorire una bambina che non ha mai più visto. Sofferente di disturbo bipolare da tempo, in causa con i parenti dei precedenti compagni che vogliono l’affidamento dei suoi figli, la donna non viveva certamente un periodo tranquillo e i suoi problemi sono peggiorati.
Le autorità britanniche l’hanno definita instabile, e per questo costretta ad abbandonare a loro la bambina appena nata. La donna ha denunciato di essere stata lasciata sola anche dalle autorità italiane, dal Consolato al quale si era rivolta e che non le avrebbe dato risposta. Dall’Inghilterra intanto i giudici assicurano che la madre era stata informata del procedimento e aveva acconsentito anche all’adozione della bimba. E mentre si rincorrono parole e accuse, il destino di una bambina e della madre rimangono appesi a un filo.

admin

x

Guarda anche

Autismo, rischio diminuisce con vitamine in gravidanza

L’assunzione di vitamine in gravidanza può ridurre il rischio per il nascituro di sviluppare disturbi ...

Condividi con un amico