Home » Benessere » Le parafarmacie non possono vendere medicine prescritte: parola della UE

Le parafarmacie non possono vendere medicine prescritte: parola della UE

Le parafarmacie non possono vendere medicine su prescrizione medica. Lo conferma, mettendo fine a una polemica lunga sette anni, la Corte Europea che aveva analizzato il caso di tre farmaciste di Milano, titolari di parafarmacia, che volevano vendere anche le medicine su prescrizione medica come una farmacia normale.

Le tre professioniste si sono viste bocciare la richiesta per cui si erano rivolte prima alla ASL locale, poi al Ministero, ottenendo comunque sempre risposte negative. Hanno allora fatto appello al TAR della Lombardia il quale prima di decidere si è consultato con le leggi europee e il risultato è stato un altro no. Secondo la corte della UE, infatti, “la legge che non consente alle parafarmacie di vendere farmaci soggetti a prescrizione medica non a carico del Servizio sanitario nazionale ma pagati interamente dall’acquirente riduce il rischio di penuria di farmacie e allo stesso tempo garantisce la giusta distribuzione di medicinali“.

Non è dunque necessario che le parafarmacie si affianchino alle farmacie nella vendita di medicine su prescrizione, limitandosi a continuare a vendere prodotti omeopatici e naturali. Il fatto che in Italia l’apertura delle farmacie sua subordinata a leggi molto precise e severe non deve essere visto come un limite per la concorrenza ma, in questo ambito specifico, come una giusta redistribuzione delle attività che comunque devono servire un determinato gruppo di persone per volta. Le parafarmacie si dovranno accontentare di far da “voce alternativa” per chi cerca qualcosa di diverso dalle solite medicine.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico