Home » Benessere » Fine degli antibiotici e rifiuto dei vaccini ci stanno riportando al Medioevo

Fine degli antibiotici e rifiuto dei vaccini ci stanno riportando al Medioevo

Un taglietto sul dito del vostro bambino potrebbe portarlo alla morte? Sì, e in breve tempo, se non cambiamo subito mentalità nei confronti della medicina. Con le nostre fobie e follie da panico stiamo passando da un eccesso all’altro: prima abbiamo usato e abusato degli antibiotici, anche quando non erano necessari, creando il fenomeno dei batteri super-resistenti. Oggi che questi batteri invadono il mondo, siamo tornati alla diffidenza medievale verso i medicinali: io mi curo da sola, io non vaccino i miei figli, io non mi fido del medico.

Risultato di questa altalena assurda è che oggi siamo senza protezione nei confronti delle malattie. L’abuso di antibiotici ha fatto sì che i batteri si siano assuefatti ad essi e oggi siamo quasi giunti al capolinea, riguardo all’uso di queste medicine. Sull’altro fronte, il rifiuto di vaccinazioni e cure sta portando anche i virus a farsi sempre più forti. La fine degli antibiotici significa anche la perdita di una protezione importante per le ferite, per i tagli da intervento chirurgico, per le infezioni anche di piccola portata come un mal di gola. La fine dell’era delle medicine significa tornare al passato, e magari veder morire la gente per un banale morbillo o per l’influenza.

Siamo ancora in tempo per recuperare? Forse sì, ma dobbiamo radicalmente cambiare atteggiamento. Dobbiamo tornare a fidarci di più di chi ne sa più di noi, i medici, e seguire i loro consigli senza fare di testa nostra. Se ci viene ordinato di prendere due cucchiai di sciroppo, che siano due e non quattro. Se l’amica o la vicina di casa ci giurano che tale pillola è più efficace di quella del nostro medico, non crediamole ad occhi chiusi, ma informiamoci bene prima. La medicina, che ha salvato l’umanità da epidemie e malattie mortali, sta morendo uccisa dall’ignoranza di massa. Se vogliamo sopravvivere dobbiamo cominciare a ragionare.

admin

x

Guarda anche

Inquinamento prima causa infertilità maschile

L’inquinamento è la prima causa dell’infertilità maschile. Gli ultimi dati relativi alla fertilità degli uomini ...

Condividi con un amico