Home » Benessere » Mal di testa: primo "sì" all'apparecchio anti emicrania

Mal di testa: primo "sì" all'apparecchio anti emicrania

Vivere con l’emicrania è una condanna per milioni di persone, nel mondo. Il mal di testa continuo, martellante, che toglie energie e voglia di vivere costringe a letto soggetti che altrimenti potrebbero godersi famiglia, amici e lavoro senza alcun problema. Per colpa dell’emicrania molte aziende lamentano continui assenteismi che non si possono attribuire alla volontà della persona.

Ecco perchè trovare una rapida soluzione che funzioni bene è importante. Ed ecco perchè, in America, la Food and Drug Administration (FDA) ha appena dato l’ok alla messa in commercio di un apparecchio in grado di calmare notevolmente questo tipo di dolore. E’ uno stimolatore magnetico transcranico, ovvero un dispositivo che, una volta sistemato dietro la testa, e premendo un pulsante rilascia un impulso di energia magnetica per stimolare la corteccia occipitale del cervello, e in tal modo riesce a ridurre o fermare il dolore. Lo ha provato una ricerca condotta su 201 pazienti che soffrivano di emicrania con “aura” (nel 30% dei casi).

Tra questi soggetti, 113 erano già in trattamento mentre gli altri soffrivano di moderati o forti attacchi non trattati. Il 38% dei soggetti, dopo aver provato lo stimolatore, non aveva più dolore dopo appena due ore e il giorno seguente, trascorse le 24 ore dalla prima applicazione, era ancora senza dolore il 34% mentre nel mancante 4% c’era stato un ritorno delle fitte ma più leggere. Qualcosa di simile sta sperimentando in questi mesi l’università La Sapienza di Roma, usando l’apparecchio per combattere la cefalea a grappolo. Non ci sono ancora certezze che questa terapia funzioni bene sui sintomi di base (disturbi visivi, nausea), ma certamente agisce sul dolore.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico