Home » Benessere » Sardegna, terra generosa che dona più midollo di tutti

Sardegna, terra generosa che dona più midollo di tutti

Donare il midollo osseo non è facile. Prevede almeno due giorni di ricovero, una serie di esami, un piccolo intervento e diversi fastidi, tra aghi e tempi di ripresa. Certo, prevede anche alcuni vantaggi. Esenzione dal lavoro giustificata, check-up completo e soprattutto la certezza di aver salvato una o più vite umane. Perchè con la donazione di midollo si può ridare speranza e vita a molte persone malate di leucemia e di anemia mediterranea. Mica roba da poco!

Chi dona midollo è un po’ come se fosse un eroe, e se vale questo detto la regione Sardegna offre al Paese ben 21.000 eroi anonimi. Con questa cifra, infatti, è questa la regione d’Italia al primo posto per le donazioni di midollo, per lo meno da quanto risulta sul registro. Se si considera che la Sardegna conta 1.650.000 abitanti non è poco, significa 23 donatori ogni 1000 abitanti. Persone di età compresa tra i 18 e i 55 anni.

I dati sono stati presentati in Regione dall’assessore alla Sanità, Simona De Francisci e da Carlo Carcassi, responsabile del Centro trapianti regionale dell’ospedale Binaghi di Cagliari. Ma Cagliari si avvale del supporto anche di centri donazione a Oristano, Nuoro, Olbia e Sassari. In pratica, tutta l’isola ha aderito con entusiasmo alle campagne ADMO e ha dimostrato cuore, coraggio e solidarietà secondo una tradizione millenaria di questa gente meravigliosa. Già da vent’anni la Sardegna offre il midollo della sua popolazione all’Italia e al mondo e nel 1992 faceva registrare 83 donazioni per pazienti sardi, 49 per pazienti di altre regioni italiane, 30 in Europa e perfino 8 donazioni che hanno salvato vite umane in America e Australia.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico