Home » Benessere » Stamina, la difesa di Vannoni: "Ho preso soldi solo da chi poteva pagare"

Stamina, la difesa di Vannoni: "Ho preso soldi solo da chi poteva pagare"

Dopo gli ultimi pesanti attacchi, in cui si parla anche di truffa e di omicidio colposo, Davide Vannoni, ideatore del metodo Stamina a base di infusioni di cellule staminali si difende e lo fa parlando senza freni, di tutto e di più. A volte smentendo, a volte confermando, a volte contraddicendo se stesso. Una cosa ci tiene a dirla forte e chiara: si sente vittima delle lobby farmaceutiche, che non vogliono cedere terreno a chi fa pagare le cure meno di loro.

Non sono un medico, nè l’ho mai fatto credere dichiara, dopo le accuse lanciate dai parenti di un paziente che dicono l’opposto “Sono un laureato in Lettere che presiede una fondazione benefica, dove esperti laureati in medicina si occupano dei miei pazienti“, ed è questo il primo punto della sua difesa. Prosegue poi dicendo che nessun paziente ha mai pagato, presso gli ospedali di Brescia, in quanto struttura pubblica. E se mai qualcuno ha dovuto pagare per le cure, tanto per cominciare ha pagato molto meno rispetto alle infusioni “tradizionali” e in secondo luogo, pagava solo chi poteva.

A nessuno è mai stato chiesto denaro se non ne possedeva, continua a ripetere Vannoni. E quando si affronta l’argomento scottante del paziente di Trieste morto dopo le infusioni di Stamina lui corregge: E’ morto per la polmonite insorta proprio perchè aveva smesso le nostre infusioni, non il contrario. E se gli si parla della ipotesi di bloccare Stamina per sempre, lui racconta di una clinica a Capo Verde dove starebbe già formando il personale per trasferire i laboratori. Una smentita a se stesso, quando pochi mesi fa dichiarava di star organizzando i nuovi laboratori a Miami, in USA!

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico