Home » Benessere » Stamina: scandalosa e-mail rivela "rappresaglie" sulla pelle dei pazienti

Stamina: scandalosa e-mail rivela "rappresaglie" sulla pelle dei pazienti

L’argomento si fa sempre più delicato, sempre più grave ed è per questo che il testo che qui riportiamo verrà riportato fedelmente, così come è apparso e come viene diramato dagli atti che in questi giorni stanno venendo fuori contro la Stamina Foundation. Oggi, nell’occhio del ciclone, ci sarebbe il numero due della fondazione, Marino Andolina.

Il testo della email che avrebbe inviato agli Spedali Civili di Brescia, dopo il rifiuto dell’ente di disconoscere l’ordinanza dell’AIFA sul blocco delle terapie, fa davvero riflettere sulle ambiguità di questa associazione e sul modo di gestire le terapie verso le persone malate. Scrive Andolina:
Un ente che ha fatto ricorso contro la bambina con Sma che più ho amato dopo Celeste: Desiree Larcher. Siete indagati per aver usato farmaci pericolosi, potevate ottenere la disapplicazione del decreto Aifa dal Tar e avete fatto in modo che ciò non avvenisse. La sofferenza della famiglia Larcher merita una rappresaglia. Finora avevo cercato di frenare nei limiti del possibile i pazienti con malattie anche gravi e curabili. Ora invece ho firmato cento prescrizioni per altrettanti pazienti

Il risultato è stato che centinaia di persone con malattie gravi -ma curabilissime- sono state catapultate agli Spedali di Brescia con l’unico scopo di creare il caos e rendere difficile il lavoro dei medici “traditori”. Un gioco veramente assurdo, che ha usato come armi innocenti pazienti malati che invece dovevano essere assistiti al meglio. E se ciò non bastasse, suonano ancora più terribili le parole finali del testo: “sarebbe doppiamente tragico che si dicesse che la bambina è morta ‘dopo’ le staminali, che non possono dare vantaggi prima di un mese dall’iniezione”. Anche qui si sarebbe usata la drammatica vicenda di una bimba in fin di vita per manipolare risultati. Occorre che le indagini facciano chiarezza al più presto!

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico