Home » Benessere » Medici senza Frontiere rapiti in Siria

Medici senza Frontiere rapiti in Siria

Brutte notizie dal fronte sempre acceso della Siria, dove la sanguinosa guerra civile continua a mietere vittime nel silenzio di buona parte del mondo. E tra le vittime ci sono anche vecchi, bambini, missionari e operatori sanitari non perchè siano morti ma perchè non possono vivere una vita produttiva e serena nel Paese in cui risiedono. Gli ultimi della lista sono cinque dottori di Medici senza Frontiere.

I cinque, di nazionalità svedese, danese, svizzera, belga e peruviana, sono stati prelevati con la forza da una regione settentrionale della Siria e da allora non si hanno più loro notizie. E’ accaduto ieri e già da 24 ore si sono attivate le intermediazioni, svolgendo un lavoro che non viene rivelato alla stampa per evitare guai peggiori ai rapiti.
I portavoce di MSF non vogliono nemmeno dire se i rapitori siano ribelli o militari del regime di Assad e non si sa nemmeno se ci siano stati i primi contatti per eventuali richieste di riscatto. Medici senza Frontiere si trova in Siria da molto tempo e sono stati tra le prime organizzazioni a battersi in favore dei civili, parlando di aiuti umanitari per i profughi e dando assistenza a chi rimane a lottare ogni giorno per sfuggire a bombe di entrambe le fazioni. Un aiuto prezioso che sicuramente viene apprezzato anche dai rapitori, per cui si deve capire fino in fondo il senso di questo gesto.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico