Home » Benessere » Batterio killer sconosciuto fa strage di neonati in Francia

Batterio killer sconosciuto fa strage di neonati in Francia

Si chiamavano Chloé, Théo e Milie i tre bimbetti nati prematuri il 7 dicembre scorso e morti tutti nell’arco di una settimana nello stesso reparto (Rianimazione Neonatale) all’ospedale di Chambery, nel sud est della Francia. Un quarto bambino è stato salvato in extremis e dalle analisi su di lui, comparate a quelle dei tre bambini morti, si è scoperto che a uccidere è stato un batterio mai visto prima.

Il caso sta mettendo in allarme tutto il Paese e non solo. Non preoccupa soltanto l’aggressività mortale della nuova malattia -che tuttavia, come dimostra il bimbo salvato, si può curare se presa per tempo- ma anche il fatto di trovarsi davanti a un nemico sconosciuto. Da dove viene questo “batterio killer”? Come agisce? I primi rilievi nel reparto hanno dato esito negativo, nessun altro esemplare di questo batterio è stato trovato nei dintorni. Forse allora si trovava in un accessorio usato solo per curare i bimbi deceduti.

Sotto accusa le sacche alimentari utilizzate per nutrirli. Si sta indagando sull’azienda che le ha fornite e sul modo in cui sono state confezionate. Ma nel frattempo si tenta di capire di che tipo di batterio si tratti. Gli esperti di malattie infettive cercano comunque di calmare l’allarme dichiarando che potrebbe trattarsi di un batterio che -sugli adulti- non ha effetti così devastanti e che avrebbe causato la morte dei bambini in quanto molto piccoli e soprattutto molto debilitati (dato che erano prematuri). Insomma, la non conoscenza del nuovo nemico non deve subito farci pensare a un allarme pandemia, perchè potrebbe essere un evento facilmente gestibile in situazioni e ambienti diversi da quello della Rianimazione Neonatale.

admin

x

Guarda anche

Una “buona” cura preventiva per l’infarto? Lo yogurt

Mangia yogurt e campa cent’anni. O per lo meno, se ti ammalerai, non sarà per ...

Condividi con un amico