Home » Benessere » La "guida elettronica per non vedenti" che nasce grazie a Bocelli

La "guida elettronica per non vedenti" che nasce grazie a Bocelli

Un’idea nata per caso, dopo un concerto a Boston, quando il grande tenore italiano Andrea Bocelli incontra ad un ricevimento il direttore del Massachusetts Institute of Technology, il dottor Dahleh. Un po’ per scherzo un po’ davvero, Bocelli ha chiesto se non ci fosse in cantiere un’idea tecnologica per aiutare i non vedenti nella loro vita quotidiana … e il direttore ha risposto di sì.

Ne sono stato felice” spiega Bocelli “Perchè io, che sono famoso, sono sempre seguito e non ho alcun problema di spostamento e di orientamento. Ma tante persone che non vedono devono affidarsi solo alla bontà del loro cane, o alle guide, e non sempre questo basta“. Infatti dalle cronache si legge che qualche mese fa ad Acireale, in Sicilia, un signore non vedente -Rosario Grasso, presidente dell’Associazione 104 Orizzontale che si occupa di disabilità di vario genere- è stato investito su una grande strada con buona visibilità, nonostante avesse con sé il cane e un accompagnatore. Davvero occorre un aiuto in più, per queste persone, almeno per proteggerle dalla distrazione dei loro simili.

Al MIT stanno lavorando su un prototipo grande quanto uno zainetto scolastico che si dovrebbe indossare normalmente, sulle spalle, e fornito di diversi accessori (montabili e smontabili) che intercettano con i loro sensori i vari pericoli della strada e li comunicano alla persona secondo modalità diverse. Possono essere messaggi vocali o sonori oppure, data l’importanza dell’udito per un non vedente, possono essere dei messaggi scritti. Infatti, uno degli accessori è una tavoletta dalla “superficie animata” che traduce il segnale di pericolo in linguaggio Braille “accartocciandosi” e lisciandosi in base ai segni che vuole riprodurre. Al progetto sta partecipando anche l’Università di Palermo nella persona della dottoressa Laura Giarré. In tutto questo, Andrea Bocelli raccoglie fondi per sostenere la ricerca e la realizzazione della futura “guida elettronica” devolvendo parte degli incassi dei suoi concerti.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico