Home » Benessere » L'AIFA e il manuale di istruzioni per l'uso … dei miracoli!

L'AIFA e il manuale di istruzioni per l'uso … dei miracoli!

In principio fu “Sense About Science” una associazione inglese che ha come proposito di difendere la scienza e la ricerca sopra ogni cosa. Sopra le superstizioni, le facili credulonerie, contro la disperazione che fa perdere la razionalità nel nome della salvezza di una vita. Sono stati loro i primi in Europa a stilare il “manuale di istruzioni per l’uso” di tutte quelle cure miracolose, geniali, immediate che spesso traggono in inganno la gente. Cure come Stamina.

E adesso anche l’agenzia italiana del farmaco (AIFA) ha deciso di adottare questa Bibbia della razionalità, facendola tradurre in italiano e trasformandola in un vero e proprio libro, dal titolo: “Non ho nulla da perdere a provarlo”. E se questa frase è vera nel caso di un adulto consenziente che decide di fare della propria vita quel che vuole, nel caso di bambini o minori non vale più. Un genitore disperato farebbe di tutto per salvare il figlio, anche rivolgersi a una cartomante, ma le nebbie del dolore spesso impediscono di seguire la via giusta … quella della scienza.

Il “manuale” intende appunto indirizzare le persone alla scelta della cura giusta, intende guidarle a riconoscere i ciarlatani, i frutti della “vita facile” che quasi mai corrispondono a serietà e qualità. Il libro inoltre illustra con parole chiare e semplici il funzionamento delle sperimentazioni cliniche, quelle vere, il processo di sviluppo dei farmaci e il monitoraggio dei medicinali. Sono citate fonti, bibliografie, ma anche testimonianze di persone che hanno subito truffe e raggiri simili e che dunque possono fornire un quadro più vicino al cittadino comune della situazione che si può incontrare. Il messaggio unico è molto chiaro: attenti a chi annusa la sofferenza da lontano e pretende di usarla solo per ottenere dei vantaggi personali sulla vostra pelle.

admin

x

Guarda anche

Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Il Parkinson lo abbiamo conosciuto tutti, in mondovisione, nella sofferenza di Papa Giovanni Paolo II ...

Condividi con un amico