Home » Benessere » Onde, radiazioni ed effetti sul corpo: l'Europa stila un vademecum

Onde, radiazioni ed effetti sul corpo: l'Europa stila un vademecum

Le radiazioni intorno a noi… progresso e paura. Si fa tanto un gran parlare dell’allarme per le mega antenne americane del MUOS in Sicilia, per le antenne di telefonia mobile, per gli impianti di trasmissione di Radio Maria ma poco o mai si parla di quanto sono nocive le onde che emettono i nostri smartphone e di quante onde ci attraversano quando siamo in una sala d’attesa con altre venti persone e ognuno col cellulare in mano! Per capire e gestire questa “invasione di onde” il Consiglio dei Ministri della Unione Europea ha stilato un vademecum per i cittadini.

Le fonti più pericolose di onde e radiazioni sono quelle emesse dai dispositivi aeroportuali, da quelli medici, da quelli radio-televisivi, dai cellulari e altri oggetti di largo consumo ma anche dalle fonti naturali, come ad esempio il gas radon di cui il nostro Paese è ricco. I danni più comuni sono danni al cristallino, al colon, al midollo, alla tiroide. In casi di estrema esposizione si arriva anche a difetti nello sviluppo del feto e all’aumento di casi di tumore. Per rimediare a questi danni (anche se dopo 20 anni di esposizione la ripresa sarebbe lentissima) si devono adeguare tutti questi dispositivi -dal cellulare al metal detector aeroportuale- a dosaggi precisi, a controlli periodici e a soluzioni che impediscano di riversare un eccesso di onde radio nell’ambiente. L’alimentazione è abbastanza salva dalla contaminazione, anche se l’Italia ha un sottosuolo ricco di gas naturali e non tutti benefici. Invece occorre studiare i materiali da costruzione delle case, dai quali spesso si sprigionano raggi gamma che possono avere un effetto nocivo simile all’eccesso di radon. Protezioni e misurazioni dovrebbero essere priorità, soprattutto se si pensa che i dispositivi che emettono onde nell’aria aumenteranno ancora di più nel corso dei prossimi anni.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico