Home » Benessere » Medicina: nasce il primo ambulatorio "per Testimoni di Geova"

Medicina: nasce il primo ambulatorio "per Testimoni di Geova"

Nasce in Lombardia, all’ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni e nell’ambito del Dipartimento Cardiovascolare dell’istituto di ricerca, il primo ambulatorio riservato unicamente ai Testimoni di Geova. Un servizio voluto fortemente da un medico che aveva già avuto in cura membri di tale congregazione religiosa e che dunque conosceva le loro esigenze, il dottor Giuseppe Vaccari insieme al collega Pietro Turco.

Per chi non lo sapesse, i Testimoni di Geova sono una confessione di derivazione cristiana ma con regole molto ferree che non possono assolutamente essere infrante. Tra queste: i Testimoni di Geova non possono accettare che ciò che esce dal proprio corpo vi possa ritornare (cioè, niente trasfusioni o auto-trapianti di pelle), nè possono accettare che qualcosa proveniente da un corpo estraneo entri a inquinare il proprio. Dicono sia scritto nel Vangelo e per questo “ordine di Dio” spesso, nei secoli, si sono lasciati morire pur di non ricevere sangue da altri, organi da altri o aver impiantate protesi o altro.

Non è stato facile ma il dottor Vaccari ha studiato a lungo nuove modalità per aiutare queste persone a curarsi senza infrangere le loro regole: usare tecniche chirurgiche particolari, sistemi curativi speciali, ma anche alternative alla trasfusione. Sebbene sia ancora impossibile trovare una alternativa ai trapianti, l’ambulatorio dedicato ai Testimoni di Geova si prefigge come scopo primo quello di “trovare un accordo” con queste persone e lavorare insieme affinché le cure mediche possano sposarsi con i dettami di Dio o di quel che loro suppongono sia un ordine di Dio. L’ambulatorio è attivo il mercoledì dalle ore 17 alle 18.30 e ha tariffe concordate e agevolate sia per la prima visita che per le successive.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico