Home » Benessere » Influenza 2014: non è ancora finita

Influenza 2014: non è ancora finita

Siamo ormai fuori tempo massimo, almeno stando al “tempo massimo” a cui eravamo abituati in passato cioè quando l’ultimo mese influenzale era febbraio. L’influenza 2014, sicuramente più lieve e gestibile di quella di altri anni, sembra invece non voler finire più. Febbraio è passato, sta passando anche marzo e i casi continuano.

Lo afferma il bollettino settimanale della rete Influnet del “Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute” (Cnesps) e dell’Istituto Superiore di Sanità, secondo cui i dati evidenziano chiaramente che sebbene sia stata una delle influenze meno preoccupanti degli ultimi tempi la durata della malattia di quest’anno si è prolungata oltre il previsto. La colpa è sicuramente degli sbalzi climatici avvenuti tra gennaio e febbraio con un improvviso periodo caldo che ha fermato il contagio per un po’ e un nuovo periodo freddo proprio ora, a marzo, che lo sta accentuando.
In particolare, tra il 3 e il 9 marzo si registrano ancora casi influenzali e seppure in numero minore … segno che comunque l’influenza sta finendo… non avrebbero dovuto esserci! Questi casi extra infatti hanno portato il numero di contagiati a 3 milioni e 700.000 con 200.000 casi in più rispetto agli altri anni. La fascia di età più colpita è sempre quella tra 0-4 anni, seguita a ruota dagli anziani di età superiore ai 65 anni.

admin

0 Commenti

  1. basta con questa pubblicita, l influenza è una malattia benigna, guarisce in qualche giorno per quasi tutti, si previene tranquillamente mantenendo valori dell ormone vitamina d (non è una vitamina in realta) ai valori massimi del range normale ed infine ma chi l ha vista quest anno….

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico